menu

Outdoor Experience“L’esperienza non è ciò che accade a una persona, ma ciò che una persona fa con ciò che gli accade”(Aldous Huxley, Testi e pretesti)
 Pack

X-Out

Formazione esperienziale per apprendere dall'esperienza

 

Esperienza per consolidare

La formazione in aula è lo strumento per acquisire i concetti e stimolare il cambiamento, ma spesso è necessario far confrontare le persone con i propri limiti per promuovere una vera volontà a rivedere i propri comportamenti.

Adforma da oltre vent'anni è impegnata nello sviluppo degli strumenti per consolidare l'apprendimento e nel tempo ha messo a punto un raffinato modello di utilizzo delle tecniche che di norma vengono utilizzate, talvolta a sproposito, nella formazione esperienziale.

Sailing, Trekking, Hiking, Cooking, Climbing, Orienteering, sono solo alcune delle modalità con cui Adforma costruisce i propri seminari e utilizzate, dopo un'attento briefing col Committente e una curata progettazione, come metafore dei comportamenti organizzativi.

Formazione esperienziale, ma...funziona?

Non sempre i Committenti hanno le idee chiare su cosa esattamente vogliono. Il più delle volte quando fanno riferimento alla formazione esperienziale ci parlano di Team-building o di qualcosa di non meglio precisato, finalizzato al creare squadra, a migliorare la comunicazione, a individuare la leadership e chi più ne ha...!

Su questa confusione concettuale sono proliferate generazioni skipper e climber, soggetti anche molto preparati che, padroneggiando una specifica tecnica, lasciavano supporre la competenza a declinarla in chiave formativa, cioè finalizzata a migliorare i comportamenti organizzativi delle persone.

Crediamo che la sfiducia che talvolta aleggia attorno alla formazione esperienziale, sia dovuta anche a questa stortura e alla sensazione di mancanza di risultati concreti ottenuti; i Responsabili d'Impresa, di norma molto attenti al ritorno degli investimenti, sono poco propensi a spendere del denaro per, testualmente, "mandare a divertire i Collaboratori".

L'approccio X-Out

Adforma rovescia l'asse di visuale. non tecnici che si vestono da formatori, ma formatori che utilizzano le competenze dei tecnici: l'obiettivo è fare da cassa di risonanza ai comportamenti organizzativi per farli emergere, riconoscere e trattare.

Nell'approccio X-Out by Adforma, su brief del Committente, viene individuato il  preciso panel di competenze su cui lavorare e definite in fase progettuale le tecniche e i workshop che più incisivamente possono farle emergere in modo da intervenire con una precisione chirurgica sugli aspetti organizzativi che più interessano.

Ragione ed emozione

In ogni workshop esperienziale, i formatori X-Out, specificamente formati alla metodologia, rilevano le azioni dei partecipanti e al termine eseguono un accurato debriefing finalizzato alla presa di consapevolezza  dei comportamenti, individuando quelli migliorativi della performance.

Nei workshop successivi, con l'azione congiunta di tutti i partecipanti verificano i cambiamenti sopravvenuti e ne tengono traccia, costruendo un percorso di crescita che supportato dalle emozioni generate dalle tecniche e dall'esperienza attiva, funge da collante della relazione e da catalizzatore dell'apprendimento.

Sailing

Formazione in barca a vela

Il Sailing è una metafora straordinaria praticamente per tutte la variabili organizzative.

È particolarmente indicata come traccia o come complemento ai percorsi di Visioning: la definizione di una rotta e le variabili di navigazioni sono molto rappresentative di un  piano strategico e delle difficoltà che esso deve incontrare per avere successo.

Molto utile anche come metafora per la pianificazione delle risorse, il problem solving e il decision taking, oltre che ovviamente per le tematiche legate alla conduzione delle persone (leadership team-leading) le declinazioni dei comportamenti cooperativi (team-work e team-building) e per tutte le competenze relazionali, dall’empatia all’autostima e reazione all’insuccesso, dalla negoziazione alla gestione del conflitto.

Orienteering

Metafora esperienziale per la creazione di strategie e pianificazione

L’Orienteering si presta particolarmente al lavoro di pianificazione e di problem solving oltre che a far emergere le competenze di influenzamento e negoziazione e di orientamento al risultato.
Il coinvolgimento fisico, inoltre evidenza la capacità di generare comportamenti supportivi legati alla sensibilità interpersonale dei partecipanti .
Estremamente utile nei casi in cui si debba lavorare sull’iniziativa e intraprendenza e sulla flessibilità declinata nella capacità di rivedere le proprie posizioni.

Small Techniques

Ideale per interventi residenziali dinamici

Le Small Techinques (letteralmente piccole tecniche) si prestano bene a supportare l’apprendimento in interventi formativi residenziali di aula, ove si voglia aggiungere una componente di emozionalità e di consapevolezza sui meccanismi interni che generano i comportamenti.

Evidenziano atteggiamenti legati alla leadership e al teamwork, ma anche all’anticipo di fiducia e alla delega: adeguatamente debrieffate possono condurre a riflessioni su  elementi comportamentali più complessi.

Climbing

Eccellente per le dinamiche legate alla fiducia e alla sfida

Arrampicarsi in parete, anche se “solo” in una palestrra di roccia e con tutte le garanzia di sicurezza, rappresenta per molti una sfida di altissimo livello.

Se poi nella sicurezza ci si deve affidare ad un collega, ecco che ogni partecipante può riflettere sulle proprie capacità di concedere anticipi di fiducia e sulle implicazioni organizzative che ciò comporta. 

Il Climbing si presta particolarmente a tali dinamiche, garantendo la giusta dose di emozione unita a riflessioni accurate sulle dinamiche interne delle persone coinvolte nell’esperienza.

Off-Road Orienteering

Lavorare per obiettivi con variabili impreviste

Nella grande famiglia dell’Orienteering, quello svolto utilizzando mezzi fuoristrada è forse il più appassionante e immediato.

Driver esperti supportano i partecipanti nelle varie esperienze in cui vengono messe alla prova il loro controllo emotivo e l’autofiducia, ma anche la reazione all’insuccesso e il senso di appartenenza, senza contare tutte le dinamiche legate al raggiungimento di una meta, dall’orientamento al risultato alla leadership e al problem solving.

Le attività possono essere svolte nei contesti più disparati, dagli scenari di montagna all’ambiente fluviale, da  ambienti particolari e molto suggestivi quali le cave di marmo di Carrara, fino al deserto.

Compila il formper ricevere info su questo pack
Accetto il trattamento dei dati personali come descritto nell’ Informativa
Iscrivimi alla newsletter